Svizzera al voto, perde consensi la destra populista dell’Udc

5.3 milioni di svizzeri sono chiamati alle urne per eleggere il nuovo Parlamento: i temi dominanti della campagna elettorale non sono stati quelli legati ai migranti e all'immigrazione, cari soprattutto alla destra populista dell'Udc, ma l'ambiente e i cambiamenti climatici. I Verdi guadagnano consensi, e si preparano a diventare il quarto partito del Paese.

5.3 milioni di svizzeri sono chiamati quest’oggi alle urne per eleggere il nuovo Parlamento, in una tornata elettorale che segnerà una poderosa avanzata dei partiti ambientalisti (Verdi e Verdi liberali) e un lieve arretramento per la destra populista dell’UdC, l’Unione democratica di centro, data comunque in vantaggio in tutti i sondaggi.

Balzo avanti dei Verdi

Il tema dell’ambiente ha largamente dominato la campagna elettorale, con molti svizzeri che sembrano preoccupati per i cambiamenti climatici e per lo scioglimento dei ghiacciai. Per i due maggiori partiti ecologisti della Svizzera, i Verdi e i Verdi Liberali, si parla di un balzo in avanti di ben 3 punti percentuali, con i primi destinati a diventare la quarta forza politica del Paese. 

La destra perde consensi

In Svizzera il tema dominante non sono più i migranti, cavallo di battaglia dell’Udc, ma l’ambiente. Il partito della destra populista potrebbe ottenere circa il 27% delle preferenze, ma rispetto alle ultime elezioni avrebbe perso circa due punti percentuali. L’avanzata dei Verdi sarà dunque significativa, ma con ogni probabilità non avrà grandi ripercussioni sulla formazione del governo federale della Svizzera. 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.