Guerra in Siria, l’appello di una bambina curda: “Non abbandonateci”

La Guerra in Siria continua a imperversare, e mentre il mondo è impegnato a discutere, arriva il commuovente appello di una bimba curda. "Vi prego, vi supplico, fermate questa guerra. Mi darete mai la pace?".

L'appello al mondo della bimba curda
L'appello al mondo della bimba curda

La Guerra in Siria continua a imperversare, e mentre il mondo è impegnato a discutere, arriva il commuovente appello di una bimba curda. Le sue parole stanno facendo il giro di tutti i media europei e non solo. La piccola si è rivolta all’Unicef, all’Onu e a Trump per chiedere di fermare la guerra: “Vi prego, vi supplico, fermate questa guerra. Mi darete mai la pace?”.

Guerra in Siria, l’appello di una bambina curda

La bambina si chiama Eva e ha parlato all’emittente curda Kurdistan24. In modo educato ma molto deciso ha rivolto un appello alla comunità internazionale per chiedere di mettere fine a “Primavera di Pace”. Questo il nome infatti dell’operazione militare condotta dalla Turchia nel nord-est della Siria.

Il discorso delle piccola assomiglia in parte a quello che aveva fatto Greta Thumberg alle Nazioni unite. Però con la differenza che la bambina, anche lei con delle treccine, si trova in mezzo a una guerra. Una guerra vera e dove la gente continua a morire.

“All’Unicef, alle Nazioni Unite, a Donald Trump. Il mio nome è Eva, sono di Rojava, di Kobane, di Afrin, di Quamishli, di tutto il Kurdistan”. Ha iniziato la bambina. “Sono figlia unica, una bambina dimenticata. Non ho mai abbracciato un’arma, ho solo un grande cuore rivolto verso tutto il mondo“. E ancora: “Mi darete mai la pace? Mi restituirete la mia infanzia? È questo il mio messaggio

Poi l’appello finale: “Please, fermate questa guerra. Greta aveva catalizzato l’attenzione di tutto il mondo con i suoi appelli. Eva, che ogni giorno rischia la vita, riceverà la stessa attenzione?

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.