Antipsicotico Johnson & Johnson Risperdal: condannata a risarcimento record

Una giuria di Philadeplhia ha condannato la Johnson & Johnson ad un risarcimento record in un contenzioso sull'antipsicotico Risperdal

Antipiscotico Johnson & Johnson, casa farmaceutica condannata
Antipiscotico Johnson & Johnson, casa farmaceutica condannata

L’antipsicotico Johnson & Johnson Risperdal ha causato una ginecomastia, ossia un ingrossamento delle mammelle, ad un uomo. Per questo il tribunale ha condannato la casa farmaceutica a pagare un risarcimento da 8 miliardi di dollari all’uomo che avrebbe usato il farmaco da bambino.

Il verdetto sull’antipsicotico Johnson & Johnson Risperdal

Una giuria di Philadelphia ha stabilito che la società fosse nel torto per “non aver avvertito i consumatori che le conseguenze dell’uso del farmaco antipsicotico Risperdal legate alla crescita anormale del tessuto mammario femminile nei ragazzi”. Il querelante si chiama Nicholas Murray. E come tanti altri uomini implcati nel contenzioso sul Risperdal sostiene di aver sviluppato il seno dopo l’utilizzo del medicianale quando era ancora bambino. Secondo i querelanti, Johnson & Johnson non aveva avvertito che l’utilizzo del farmaco antipsicotico poteva portare alla ginecomastia.

Sanzione “sproporzionata”

Questa è la sanzione più pesante fino ad ora imposta alla multinazionale, che vede oltre 13.000 azioni legali sul Risperdal. Ed è una sanzione che proprio non va giù alla Johnson & Johnson, che l’ha giudicata “gravemente sproporzionata”, sperando sempre che in appello venga ridotta. Inoltre, secondo la casa farmaceutica, il tribunale ha violato i diritti della difesa. Infatti non avrebbe permesso ai legali della Johnson & Johnson di presentare alcuni elementi importanti sull’etichettatura del farmaco oggetto del contenzioso.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.