Siria, nel 2019 i civili morti a causa delle mine sono già 179

179 morti nel solo 2019, di cui 41 bambini. Secondo le Nazioni Unite, le persone a rischio in tutta la Siria a causa delle mine sono più di 10 milioni.

Dall’inizio del 2019, in Siria, 179 civili sono stati uccisi da mine antiuomo o da residui esplosivi di guerra. Tra questi, ben 41 sono bambini. Lo ha rivelato oggi un’organizzazione non governativa, che ha sottolineato come la presenza delle mine continui a rappresentare un micidiale pericolo per milioni di persone in tutto il Paese. Gli individui a rischio, in tutta la Siria, sarebbero più di 10 milioni. 

Mine e ordigni abbandonati in tutto il Paese

A partire dal 2011, l’anno dello scoppio della guerra, i diversi gruppi combattenti hanno installato mine in tutto il Paese, nelle città e nelle aree agricole, abbandonando anche una sorprendente quantità di residui esplosivi. Tra le 179 vittime, secondo l’osservatorio siriano per i diritti umani, almeno 40 sarebbero morte mentre si trovavano nelle aree agricole alla ricerca di tartufi. 

“Ogni giorno i civili restano mutilati a vita”

Sulla presenza delle mine in Siria erano recentemente intervenute anche le Nazioni Unite: “Ogni giorno i civili muoiono o restano mutilati a vita a causa di mine antiuomo e ordigni inesplosi”, aveva evidenziato recentemente il dipartimento delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCH). 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.