India, già 140 morti per le inondazioni monsoniche

A Patna, nella regione del Bihar, alcune persone sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni con canotti di fortuna. Secondo i media locali, si tratta della stagione monsonica più violenta e prolungata degli ultimi 25 anni.

L’inconsueto prolungamento della stagione monsonica, nel nord dell’India, ha già provocato la morte di 140 persone. E ne ha costrette molte altre ad abbandonare le loro abitazioni a bordo di canotti di fortuna. Il bilancio dei morti, ancora provvisorio, è stato confermato nelle scorse ore dalle autorità locali. 

Evacuati anche i detenuti di un carcere

Nella regione dell’Uttar Pradesh, dove negli ultimi quattro giorni sono morte circa 111 persone, i 900 detenuti di un carcere sono stati evacuati a causa delle continue infiltrazioni d’acqua nella struttura penitenziaria. A causa delle violente precipitazioni, del tutto inconsuete per il periodo, altre 30 persone sono morte nella regione del Bihar, vicina all’Uttar Pradesh. 

La stagione più violenta e prolungata degli ultimi 25 anni

Secondo i media locali, la stagione monsonica di quest’anno è la più violenta e prolungata degli ultimi 25 anni. I monsoni, abitualmente, si manifestano da giugno a settembre. Sono di grandissima utilità per il sostegno delle fonti idriche e per il settore agricolo del Paese. Da luglio ad oggi, la stagione monsonica ha già provocato la morte di 650 persone tra India, Nepal, Bangladesh e Pakistan. 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.