Impeachment Trump: messa sotto protezione la “talpa”

La "talpa" che ha diffuso il contenuto della telefonata tra Donald Trump e Volodymyr Zelensky è stata messa sotto protezione

Impeachment Trump
Impeachment Trump

Le autorità federali hanno messo sotto protezione la “talpa” che ha svelato il contenuto della telefonata per cui Donald Trump rischia l’impeachment. L’informatore avrebbe infatti rivelato cosa si dissero il Presidente Usa e il suo omologo Ucraino Volodymyr Zelensky. Nella telefonata, Trump avrebbe chiesto a Zelensky di aprire una inchiesta contro Hunter Biden, il figlio dell’ex vicepresidente Joe Biden, attuale candidato alle primarie democratiche.

Le minacce alla “talpa”

La talpa sarebbe un funzionario dell’intelligence, che è rimasto anonimo. Il suo rapporto contiene una dichiarazione secondo cui avrebbe appreso da alcuni funzionari che “esponenti di spicco della Casa Bianca sono intervenuti per ‘sigillare’ qualsiasi traccia della telefonata” incriminata.

Le parole di Trump

Donald Trump però ha chiesto di incontrare la “talpa”, come ha fatto sapere su Twitter. “Come ogni americano merito di incontrare il mio accusatore, soprattutto perché questo accusatore, il cosiddetto ‘Whistleblower’, ha descritto una conversazione perfetta con un leader straniero in modo totalmente impreciso e fraudolento”, ha dichiarato il Presidente Usa. Non solo. Trump ha poi puntato il dito contro il presidente della Commissione intelligence della Camera degli Stati Uniti, il democratico Adam Schiff. Schiff infatti aveva bollato il contenuto della conversazione telefonica fra Trump e Zelensky come “un classico ricatto mafioso”. E su questo, il Presidente non ha risparmiato le parole: “Schiff si è inventato quello che ho effettivamente detto mentendo al Congresso”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.