Terremoto in Turchia, due scosse a Istanbul: crolla minareto

Il terremoto ha colpito la città senza provocare morti o feriti

terremoto-istanbul
Terremoto 4.7 Istanbul (Foto: maps)

Istanbul ha tremato questa mattina a causa di due scosse di terremoto: la prima era di magnitudo 5.8, mentre la seconda era intorno ai 4.1. Secondo quanto inizialmente riportato da ANSA non ci sarebbero morti o feriti. Alcuni giornali locali hanno raccontato che la prima scossa è stata comunque avvertita in tutta la città della Turchia, e ha provocato “momenti di panico” tra gli abitanti. Appena due giorni fa un altro terremoto di magnitudo 4.7 aveva fatto tremare una città vicina, ma senza provocare danni. Secondo quanto riporta Skytg24, l’unico danno ingente sarebbe quello fatto a una struttura: la seconda scossa avrebbe infatti fatto crollare la punta di un minareto nella moschea di Avcilar. Le autorità locali hanno annunciato che le scuole domani resteranno chiuse a seguito del terremoto.

Terremoto in Turchia: c’è un precedente

In passato Istanbul era già stata colpita da un violento terremoto. Era accaduto il 17 agosto del 1999, quando una scossa colpì pesantemente un’altra città: Izmit. I primi tremori si avvertirono intorno alle 3 del mattino, fino a raggiungere livelli di magnitudo 7.6 della scala Richter. Il sisma era stato così forte da aver causato danni e morti anche nella vicina Istanbul. In tutto morirono circa 17mila persone.

Scossa in Turchia: dove è l’epicentro

Secondo quanto riporta l’osservatorio sismico di Kandilli, l’epicentro sarebbe stato individuato nel mare di Marmara, a 20 chilometri dalla cittadina di Silivri. Il paesino si trova al confine ovest di Istanbul, ed è situato a una profondità di 5,4 chilometri. Non è l’unico terremoto verificatosi in giornata: un’altra scossa è stata avvertita in Indonesia, nelle isole Molucche.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.