Aborto in ospedale ma la donna è quella sbagliata: tragedia in Corea

Una donna subisce un aborto dopo essersi recata in ospedale ma non era lei la destinataria dell'intervento in Corea del Sud.

Aborto in ospedale ma alla persona sbagliata. La tragedia è accaduta nel nosocomio e una donna ha così perso il bambino che portava in grembo nella Corea del Sud. La donna è stata confusa con un’altra che, invece, sarebbe dovuta sottoporsi all’intervento. La ragazza era giunta in una clinica di Seul per avere degli integratori alimentari. Gli organi di informazione coreani hanno parlato di una successiva iniezione dopo la quale si è verificato un anestetico al posto degli integratori. Successivamente, invece, è stato eseguito l’aborto e le dimissioni.

Aborto in ospedale ma non era lei la destinataria dell’intervento

La paziente è giunta nuovamente in clinica con una emorragia. Dopo i primi attimi di panico si è compreso che lo scambio d’identità aveva provocato l’aborto. La pratica è illegale in Corea del Sud: le regole, però, potrebbero cambiare entro il 31 dicembre 2020. Attualmente l’aborto in Corea è punito con il carcere e anche con delle multe alquanto salate.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.