Bimba uccisa in Brasile dalla Polizia, la protesta giunge dalle favelas

Una bimba è stata uccisa in Brasile dalla Polizia. Non si tratta del primo caso di omicidio nella cittadina di Rio de Janeiro.

Bimba uccisa in Brasile dalla Polizia
Bimba uccisa in Brasile dalla Polizia (foto AdnKronos - Afp)

Sono centinaia le persone provenienti dalle favelas di Rio de Janeiro (Brasile) che sono scese in piazza a causa di un episodio nel quale una bimba è stata uccisa dalla Polizia. Un’operazione di sicurezza, attribuita ad alcuni agenti, è costata la vita alla piccola di soli otto anni.

Bimba uccisa in Brasile, le proteste

I cartelli, insieme ai tanti striscioni, hanno evidenziato una forte protesta che si è diffusa a livello internazionale. “La vita nelle favelas conta” e “Smettetela di ucciderci” sono alcune delle frasi scritte dai partecipanti. La guerra delle gang dei narcotrafficanti ha comportato, da inizio anno ad agosto, qualcosa come 1.249 persone uccise. La piccola è stata raggiunta da un colpo di arma da fuoco alla schiena: si tratta del quinto caso di piccolo della cui morte è stata accusata la Polizia.

Le forze di sicurezza sostengono invece che gli agenti stavano rispondendo a uno scontro a fuoco. La famiglia della piccola Agatha, invece, sostengono che gli agenti stavano dando la caccia a un motociclista. Nessuna sparatoria è stata segnalata. Sul caso è stata aperta un’inchiesta.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.