Diritti Umani, il rapporto di Amnesty sulla Russia è agghiacciante

Amnesty International, nel suo ultimo rapporto, parla anche degli strumenti utilizzati dalle autorità per ostacolare le attività di chi tutela i diritti umani: multe, congelamento di conti bancari, o addirittura condanne per reati mai commessi.

Non sono tempi facili per chi si occupa di diritti umani in Russia. Ad attestarlo è un rapporto diffuso quest’oggi da Amnesty International, che ha riscontrato un generale inasprimento delle misure repressive nei riguardi di chi tutela i diritti umani, anche nei confronti dei semplici attivisti. 

Le leggi repressive aumentano

Da quando Vladimir Putin è presidente della Russia, le leggi repressive nei confronti di chi si occupa di i diritti umani sarebbero infatti aumentate, portando a un sistematico peggioramento della situazione in tutto il Paese. 

Tra gli strumenti utilizzati dalle autorità per ostacolare – o reprimere – il lavoro di chi agisce in favore dei diritti umani, il rapporto cita le condanne per reati mai commessi, le multe astronomiche, o anche il semplice congelamento dei conti bancari delle persone non gradite, per non parlare delle persecuzioni, delle minacce, delle aggressioni. 

Nel mirino soprattutto chi difende i diritti delle persone Lgbti

Secondo Amnesty, le persone maggiormente prese di mira sarebbero gli attivisti che lottano per i diritti umani in Cecenia e nel Caucaso, tutti coloro che cercano di difendere i diritti delle persone Lgbti, spesso perseguitate o aggredite con inaudita violenza. Uno dei casi più eclatanti, da questo punto di vista, è quello dell’attivista Igor Kochetkov, regolarmente minacciato per aver denunciato la persecuzione degli omosessuali in Cecenia. Kochetkov avrebbe addirittura ricevuto minacce di morte, ma la polizia – secondo Amnesty – non avrebbe mai mosso un dito per avviare un’indagine. 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.