11 settembre, al-Zawahiri: «Non abbiamo ucciso innocenti»

Il leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri difende gli attentati dell'11 settembre contro le Torri gemelle. Esorta anche i mussulmani a nuovi attacchi.

11 settembre, il messaggio di al-Zawahiri

Il leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri continua a difendere gli attentati dell’11 settembre contro le Torri gemelle. Nel diciottesimo anniversario della tragedia sostiene che «è un falso presupposto» affermare che «abbiamo ucciso innocenti nel World Trade Center». Ayman al-Zawahiri è succeduto a Osama bin Laden dopo la sua uccisione nel 2011 in Pakistan. Il leader ha quindi rivolto un appello a tutti i musulmani a sferrare attacchi contro obiettivi americani, europei, israeliani e russi. Deve essere una ‘‘rappresaglia per i loro crimini commessi in Palestina e per il loro sostegno a Israele”.

11 settembre, arriva la minaccia di al-Zawahiri

Tra i Paesi europei contro cui al-Zawahiri esorta a combattere ci sono anche e soprattutto la Francia e la Gran Bretagna. «Continueremo a combattervi». La minaccia, in ogni caso, è rivolta nei confronti di tutti i Paesi occidentali.

Il leader di al-Qaeda, ha minacciato il mondo con un altro video. Si è rivolto «ai miei fratelli Mujahid in Palestina e nel resto dell’Ummah (la nazione, ndr) musulmana! Gli interessi di Israele e dei suoi alleati americani, britannici, francesi, russi ed europei sono sparsi ovunque nel mondo». Israele e i suoi alleati, afferma, hanno «soffocato il Jihad» nei Territori palestinesi. «Fino a quando cospirano e uniscono le loro forze contro di noi in ogni luogo, noi dobbiamo inseguirli ovunque, in ogni momento. Siate originali e creativi nei vostri metodi».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.