Proteste Hong Kong, stop alla marcia: arrestato l’attivista Joshua Wong

Le proteste a Hong Kong e la decisione della Polizia di bloccare l'ennesimo weekend di protesta. Nel frattempo arrestato Joshua Wong e altri due leader.

Proteste Hong Kong
Proteste Hong Kong

Gli organizzatori della marcia, in virtù delle proteste di Hong Kong, hanno inteso bloccare la marcia. Nel frattempo l’attivista Joshua Wong è stato arrestato dalla Polizia. La decisione è giunta in seguito al divieto disposto dalle forze dell’ordine. I promotori dell’iniziativa, che nelle scorse settimane erano riusciti a riunire milioni di persone, hanno bloccato il tutto per paura di incidenti.

Proteste Hong Kong, la situazione

Joshua Wong è stato arrestato mentre si stava dirigendo verso la metropolitana. Wong è uno dei fondatori di “Demosisto”. Il giovane 22enne fu uno dei protagonisti del “movimento degli ombrelli” che nel 2014 diede vita a 79 giorni di mobilitazioni di massa. La Polizia ha invece preso in consegna, secondo il racconto dell’Ansa, Andy Chan e Agnes Chow. I tre arresti fanno pensare a una forma di reazione in vista del fine settimana numero 13 nel quale si sarebbe dovuto dare vita alla mobilitazione. Nel frattempo Carrie Lam non ha rassegnato le dimissioni e continua la propria carica istituzionale.

La nota di “Demosisto”

Demosisto ha diramato una nota mediante il profilo Twitter. «Il nostro segretario generale è stato arrestato questa mattina intorno alle 7:30 mentre stava camminando verso la stazione della metropolitana di South Horizons. È stato costretto con la forza a entrare in un minivan privato sulla strada e alla luce del giorno. I nostri avvocati stanno seguendo il caso». Gli arresti di Chan, Chow e Wong giunge dopo il rigetto della richiesta dei manifestanti per dare il via al fine settimana di proteste in piazza.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.