Incendio in casa, donna muore dopo mesi di agonia: le fiamme avevano ucciso 4 dei 5 figli

Mesi di agonia e di lotta. Un incendio divampato in casa, ad opera di due ragazzi, e una tragedia costata la vita ad altre 4 persone.

Incendio in casa, madre muore dopo mesi di agonia
Incendio in casa, madre muore dopo mesi di agonia

Michelle Pearson, una madre di 37 anni, rimasta ferita durante un incendio nell’abitazione di Walkdean a Manchester (Regno Unito), non ce l’ha fatta. La donna ha perso la vita dopo il decesso di quattro dei cinque figli. Le fiamme avvolsero la casa lo scorso mese di dicembre. La 37enne ha lottato per diversi mesi ma le condizioni piuttosto gravi non le hanno permesso di potersi riprendere.

Terribile incendio in casa: muore anche la madre

L’incendio doloso ha colpito una famiglia intera. Le condizioni della donna sono improvvisamente peggiorate nonostante i medici la stessero curando ormai da diverso tempo. L’annuncio è stato divulgato dalla madre della donna: «Dopo 20 mesi di duro combattimento la nostra Michelle ha spiegato le ali e si è unita ai suoi bambini».

L’obiettivo era l’unico superstite

Anche i figli della donna sono morti. Hanno perso la vita Demi (14 anni), Brandon (8 anni), Lacie (7 anni) e Lia (3 anni). Per l’accaduto, dopo vari mesi indagini, sono stati fermati due ragazzi. Entrambi furono indicati da alcuni testimoni come gli autori del riempimento di alcune taniche di benzina. Zak Bolland e David Worrall, giovani tra i 23 e i 26 anni, commisero il gesto per regolare i conti con Kyle Pearson. Il 17enne è l’unico sopravvissuto al rogo della famiglia. Il fratello maggiore delle quattro giovani vittime, infatti, si è salvato. Gli autori del terribile delitto, secondo gli organi di informazione britannici, sono stati condannati all’ergastolo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.