La Brexit e le prossime mosse: «In assenza di accordo stop a libera circolazione delle persone»

Una portavoce di Boris Johnson ha annunciato che il Primo Ministro ha intenzione di dare vita a un cambio rispetto a quanto deciso da Theresa May.

Boris Johnson e la scelta sulla Brexit
Boris Johnson e la scelta sulla Brexit (foto AdnKronos)

Senza un possibile accordo sulla Brexit, da stabilire entro il 31 ottobre 2019, il Governo del Regno Unito ha annunciato di voler decretare la parola “fine” sulla libera circolazione delle persone. Un nuovo modo di agire che suona come ennesimo campanello d’allarme. A comunicarlo è stato un portavoce di Downing Street dove risiede il Primo Ministro Boris Johnson. Sono in corso delle valutazioni anche per quanto concerne il sistema immigrazione. Johnson ha la ferma intenzione di prendere come punto di riferimento il modello australiano.

Brexit, la strategia di Boris Johnson

Si tratta di una metodologia differente rispetto a quella utilizzata da Theresa May. Quest’ultima, infatti, decise di dare spazio a un periodo di transizione qualora si fosse dato vita al “no deal”. «La libera circolazione come esiste adesso finirà il 31 ottobre quando il Regno Unito lascerà l’Ue – ha sottolineato la portavoce -. Per esempio, introdurremo immediatamente regole più strette in materia di criminalità per le persone che entrano nel Regno Unito».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.