Jeffrey Epstein: il finanziere si suicida in carcere

Il finanziere Jeffrey Epstein, in carcere per uno scandalo sessuale, si e tolto la vita impiccandosi nella sua cella a Manhattan

Jeffrey Epstein si è suicidato in carcere, dove era detenuto con l’accusa di abusi, sfruttamento della prostituzione femminile e traffico di minori. Diversi media americani riportano che il finanziere si sarebbe tolto la vita nella sua cella nel carcere di Manhattan.

Il suicidio di Jeffrey Epstein

L’uomo era in attesa del processo, ma ha preferito togliersi la vita impicca dosi. Il suo corpo è stato trovato alle 7.30 di questa mattina. Il finanziere aveva già provato a togliersi la vita, e infatti da 23 luglio era sotto stretta sorveglianza. Già quel giorno, infatti, le guardie lo avevano trovato riverso sul pavimento della sua cella, con numerose ferite al collo.

Una possibile motivazione

A scatenare la decisione dell’uomo potrebbe essere stata la diffusione fatta nelle ultime ore di alcuni documenti della Corte, in cui si fa preciso riferimento alle attività illegali di Epstein. In particolare, questi documenti descrivono con dovizia di particolari, scabrosi e imbarazzanti, le abitudini sessuali del finanziere. Potrebbero esserci la diffusione di queste notizie alla base del suicidio di Epstein.
   

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.