Nipote di Bob Kennedy muore forse di overdose nella residenza di famiglia

La nipote di Bob Kennedy, Saoirse Roisin Kennedy Hill, è morta a 22 anni, forse di overdose, nella residenza di famiglia della nonna Ethel

Saoirse Roisin Kennedy Hill, Nipote Bob Kennedy (Foto Facebook, Kennedy Family Tree)
Saoirse Roisin Kennedy Hill, Nipote Bob Kennedy (Foto Facebook, Kennedy Family Tree)

Aveva 22 anni Saoirse Roisin Kennedy Hill, nipote di Bob Kennedy, morta nella residenza di famiglia a Cape Cod, forse per un’overdose. La ragazza si trovava nella tenuta della nonna, Ethel Kennedy, la vedova di Robert Kennedy. “Bob” era il fratello di John Fitzgerald Kennedy, e venne ucciso a Los Angeles il 5 giugno 1968, durante la campagna per le elezioni presidenziali.

Saoirse Roisin Kennedy Hill, la nipote di Bob Kennedy

La notizia è stata data dal New York Times, che ha riferito come la ragazza fosse già in arresto cardiaco all’arrivo dei soccorsi. I familiari si sono detti sconvolti per la perdita, la cui vita “era piena di speranza e amore”. Saoirse era impegnata nella lotta per i diritti umani e delle donne, e aveva lavorato per la costruzione di scuole in Messico.

Tuttavia, pare che la giovane soffrisse di attacchi di depressione. Lo aveva raccontato lei stessa al Deerfield Scroll nel 2016, il giornale della scuola che lei stessa aveva frequentato. Saoirse aveva raccontato che gli attacchi di depressione si erano fatti via via più insistenti nell’adolescenza, fino all’ultimo anno alla Deerfiled Academy, quando la depressione era “tornata, e poi rimasta”. Proprio per questo aveva finito per lasciare la scuola, cominciando un lungo percorso per reinserirsi. per questo invitava chi soffre di questo tipo di disturbi a parlarne senza vergogna.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.