Pena di morte introdotta nuovamente negli Stati Uniti: l’annuncio di Barr

L’attuale Ministro della Giustizia, William Barr, ha annunciato di aver dato il via alla nuova introduzione della pena di morte negli Stati Uniti,

Pena di morte, l’annuncio di Barr
Pena di morte, l’annuncio di Barr

Negli Stati Uniti è stata introdotta, di nuovo, la pena di morte per i condannati con reati federali. Ad annunciarlo è stato il Ministro della Giustizia William Barr. Da qui la richiesta per l’avvio delle procedure di esecuzione nei confronti di cinque detenuti.

Pena capitale negli Stati Uniti, le novità

Il Governo modificherà anche l’iniezione letale. Si passerà dai tre farmaci all’utilizzo del solo Pentobarbital. L’esigenza è emersa a causa dei vari Stati che hanno riscontrato problemi nel reperire i farmaci richiesti. Il calo delle condanne a morte ha frenato la produzione di sodium thiopental, pancurium bromide, dall’effetto paralizzante, e il potassium cloride che provoca l’arresto cardiaco.

Uno dei casi riguarda Dzhokhar Tsarnaev, condannato per l’attentato della maratona di Boston. In quella circostanza, datata 15 aprile 2013, morirono tre persone mentre vi furono oltre 250 feriti. La condanna non è ancora avvenuta proprio a causa della mancanza dei farmaci.

L’annuncio del Ministro Barr

Barr ha spiegato di aver ripristinato la pena di morte per cinque detenuti accusati, a vario titolo, di tortura e stupro di bambini e anziani. L’ultima esecuzione avvenne nel 2003 quando venne giustiziato un veterano della guerra del Golfo. L’accusa fu di sequestro con conseguente stupro e omicidio di una giovane recluta: si trattò dell’esecuzione numero 37 dal 1927.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.