Attacchi terroristici nelle Filippine: identificati i responsabili

Sono stati identificati i responsabili degli attentati terroristici dello scorso gennaio nelle Filippine, che hanno provocato 23 morti

Pianificava attacco terroristico
Pianificava attacco terroristico


Bombe terroristiche nelle Filippine, i responsabili hanno un volto e una identità. La polizia indonesiana avrebbe identificato i responsabili del massivo attacco terroristico di gennaio, quando in due distinte tappe vennero fatte esplodere bombe vicino una cattedrale.

Identificati i responsabili degli attacchi terroristici nelle Filippine

La matrice suicida era emersa subito ma non si era capito chi fossero i responsabili. Responsabili che le forze di sicurezza filippine hanno identificato in una coppia indonesiana che già una volta aveva tentato di raggiungere il territorio controllato dell’Isis ma che aveva visto fallire il suo tentativo. Per amaro paradosso, proprio il mancato ingresso nelle braccia del Califfato Nero aveva scatenato la reazione nelle Filppine, dove i due avevano deciso di colpire senza il canonico periodo di addestramento nei campi controllati dagli jihadisti.

I due avevano effettuato il tentativo di approcciarsi allo Stato Islamico passando per il territorio turco. Si tratta di Rullie Rian Zeke e Ulfah Handayani Saleh, che si erano recati in Turchia nel 2016 con la speranza di attraversare il confine con la Siria. Erano stati invece stati arrestati nel gennaio 2017 e rimandati in Indonesia, dove avevano pianificato ed eseguito l’attentato suicida. In quelle tragiche circostanze due forti detonazioni squassarono la Cattedrale di Nostra Signora del Monte Carmelo sull’isola di Jolo, nel sud del paese, dove il governo aveva già combattuto a lungo contro gli integralisti musulmani. Nel botto morirono almeno 23 persone e oltre 100 rimasero ferite dato che il blitz aveva avuto luogo proprio mentre i fedeli si radunavano per la Messa.

La rivendicazione dell’Isis

On line e nelle ore successive, l’Isis aveva rivendicato la paternità dell’attacco. Funzionari del terrorismo ed esperti indipendenti hanno avvertito che l’Indonesia e altre nazioni del sud-est asiatico devono “affrontare una grave minaccia da centinaia di rimpatriati che hanno viaggiato in Siria e Iraq per unirsi allo Stato islamico”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.