Attacco terroristico sventato, polizia sequestra l’esplosivo dell’Isis

La polizia di Hong Kong sequestra un ingente quantitativo di esplosivo e sta indagando su ipotetici legami fra lo stesso e le proteste in corso

Gruppo terroristico (immagine di repertorio)
Gruppo terroristico (immagine di repertorio)

La polizia di Hong Kong sequestra un ingente quantitativo di esplosivo e sta indagando su ipotetici legami fra lo stesso e le proteste in corso da settimane per i nuovi appetiti giudiziari della Cina. Secondo fonti di polizia, nel caso del blitz di venerdì scorso, si è trattato del “più grande sequestro di TATP della storia”. Assieme all’esplosivo le forze dell’ordine avevano trovato anche armi e volantini di protesta. Il TATP, o perossido di acetone, è un esplosivo molto usato dal Califfato Nero dell’Isis, utilizzato in attacchi come gli attentati di Londra del 2005 e gli attacchi di Parigi del 2015. E’ una polvere bianca in cristalli omogenei inodore ma molto instabile, tanto che nel confezionamento di ordigni di solito viene stabilizzata con acqua distillata o corrente, che impedisce ai grossi cristalli di sublimare con l’aria, detonare e innescare per simpatia chimica con i loro gemelli dei botti maiuscoli.

Il TATP, a voler essere banali è una miscela, miscela micidiale, di acqua ossigenata, acetone a acido solforico; roba da fare in cantina, ad avere sangue freddo o cuore avvelenato da integralismi sciolti. Durante il blitz che ha portato al sequestro è stato arrestato un 27enne, indicato da fonti governative come “membro di un gruppo indipendentista”. L’esplosivo, le armi ed il materiale di propaganda, inclusa una maglietta inneggiante al movimento studentesco anti Pechino, erano nascosti in un edificio industriale nel distretto di Tsuen Wan. Il quantitativo era preoccupante: “Due chili di TAPT (roba da far saltare in aria una palazzina – nda), poi 10 molotov, sostanze acide, armi tra cui coltelli e barre di metallo e maschere antigas (Fonte South China Morning Post). Le proteste contro il disegno di legge che prevedeva la possibilità di estradizione verso il poco accogliente sistema giudiziario e carcerario della Madre Cina avevano innescato in queste settimane proteste di strada e manifestazioni oceaniche e non immuni da violenza. A proposito del sequestro il Post ha interpellato il sovrintendente Alick McWhirter, in forza all’Unità Esplosive Ordnance Disposal : “TATP è ben noto, instabile e pericoloso, penso che questo sia senza dubbio il più grande sequestro che abbiamo mai avuto ad Hong Kong”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.