Compagnia aerea promuove spot-quiz sui posti più sicuri da incidenti

La divisione indiana della compagnia aerea olandese Klm Royal Dutch Airlines ha deciso di incrementare la sua campagna pubblicitaria in maniera quanto meno inopportuna

Compagnia aerea promuove spot discusso
Compagnia aerea promuove spot discusso

Un tweet subito rimosso ma che non è sfuggito all’attenzione di Gabriele Porro su Wired.it, con il quale la divisione indiana della compagnia aerea olandese Klm Royal Dutch Airlines ha deciso di incrementare la sua campagna pubblicitaria in maniera quanto meno inopportuna, pubblicando cioè “i dati relativi alle probabilità di morte in base alla posizione del proprio sedile sull’aereo”.

Il post su Twitter spiegava poi seraficamente che in base alle statistiche i posti in coda sono più sicuri. Va da sé che la faccenda è da sturbo. Uno prende un volo Klm India, si accomoda al centro con aria assente, apre Twitter e legge che “secondo i dati studiati da Time, il tasso di mortalità per i posti al centro dell’aereo è il più alto. Tuttavia il tasso di mortalità per i sedili nella parte anteriore è leggermente inferiore ed è minimo per i sedili nel terzo posteriore dell’aereo“.

In quell’esatto momento stai leggendo che hai molte più probabilità di morire del signore che paciosamente sta leggendo il Times dieci file dietro di te e lo stai facendo sbirciando anche delle finestre grafiche che non lasciano adito a dubbi, con hashtag e foto d’ordinanza “di un sedile tra le nuvole sul quale troneggia la scritta ‘I sedili in coda all’aereo sono i più sicuri'”. E tutto questo presentato tra l’altro a mo’ di riffa. L’account @KLMIndia ha infatti posto la domanda “Sai quali sono i posti più sicuri su un aereo?” mettendo in palio anche un premio: chi azzeccava la risposta, in pratica su chi avesse più probabilità di morire in un aereo, avrebbe avuto diritto a dei buoni Klm. Dopo la bufera social che si era scatenata il profilo indiano della compagnia ha eliminato il post e si è sperticato in scusa imbarazzate: “Il post del nostro team in India era basato su un fatto aeronautico pubblicamente disponibile e non era un parere di Klm. Klm si scusa per eventuali disagi causati dal tweet. Esamineremo il nostro protocollo di Twitter per garantire un contenuto appropriato”. Parole di Manel Vrijenhoek, portavoce di Klm, inviate per email a Usa Today.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.