Incendio al Kyoto Animation: salgano a 33 i morti accertati

Le fiamme divampate nel "Kyoto Animation" hanno provocato un incendio con 38 persone ferite. Dieci di loro sono in gravi condizioni.

Incendio Kyoto animation
Incendio Kyoto animation

Il bilancio dell’incendio al “Kyoto Animation” è salito a 33 morti. Le persone ricoverate sono 36 mentre alcune versano in gravissime condizioni. Un uomo di 41 anni è stato fermato: avrebbe confessato di aver cosparso l’edificio con delle benzina. La Polizia ha ritrovato anche alcuni coltelli. Le fiamme hanno avvolto lo studio di animazione: un uomo è stato arrestato con l’accusa di aver provocato, in maniera intenzionale, l’incendio. Al momento si il sospettato è stato bloccato: questo è quanto riportato dall’Ansa.

Incendio al “Kyoto Animation”, le novità

L’uomo si è introdotto nell’edificio cospargendo di liquido infiammabile alcune zone della struttura. Subito dopo ha dato vita alle fiamme che si sono propagate in poco tempo. La casa di produzione di “anime” in Giappone ha subito ingenti danni. All’esterno del “Kyoto Animation” è stata allestita una tenda per l’accoglienza delle persone. All’interno erano presenti in sessanta circa. Tanto spavento per il propagarsi delle fiamme. Ecco le immagini dell’incendio.

Il racconto dei testimoni

La Polizia Locale, intanto, ha spiegato che la maggior parte dei corpi è stata ritrovata al secondo piano dell’edificio della Kyoto Animation. La società fu fondata nel 1981. Dai racconti dei vicini è emerso che vi siano state una serie di esplosioni seguite da alcune fiammate piuttosto vistose. L’uomo, indicato come il possibile autore del gesto, risulta essere tra i feriti. Attualmente si trova in ospedale sorvegliato a vista dalle forze dell’ordine. Sono in corso, comunque, le attività per lo spegnimento delle fiamme causato molto probabilmente da un liquido infiammabile.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.