Silvia Romano, la denuncia per pedofilia ai danni di un prete del Kenya

Sono passati diversi mesi dalla scomparsa di Silvia Romano. Della giovane italiana si sono perse le tracce: spuntano delle novità sul caso.

Silvia Romano
Silvia Romano, cooperante italiana in Kenya (foto Facebook)

Poco giorno prima della scomparsa, Silvia Romano aveva inteso denunciare un prete del Kenya per pedofilia. Questo particolare, attraverso alcune testimonianze pubblicate da “Le Iene”, potrebbe aprire una nuova pista. Le parola di un volontario, infatti, trovano conferma sull’ipotesi citata. «Attirava i bambini con le classiche cose: caramelle, monetine. Lui non era stupido, aveva capito che ce ne eravamo accorti. Un giorno gli ho strappato una bambina dalle mani e in quel momento con me c’era anche Silvia».

Silvia Romano, il caso e i tanti misteri sul rapimento

Un’altra testimonianza, non anonima, è quella di Tiziana Beltrami che sarebbe stata testimone di un atto commesso dal prete. La redazione de “Le Iene” ha ascoltato la responsabile di “Africa Milele”, Lilian Sora, che ha dichiarato «di essersi trovata in mezzo» respingendo, di fatto, le accuse. La denuncia porta la firma di Silvia Romano, secondo diversi testimoni, e fu fatta a Malindi. Al momento, però, non si sa bene dove sia la copia cartacea.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.