Il Giappone vara la legge sulla guida in stato di ebbrezza dei droni

Multe per chi guida in stato di ebbrezza i droni. A stabilirlo è una legge creata ad hoc in Giappone. Il provvedimento prevede anche delle ammende.

Legge sui droni in Giappone
Legge sui droni in Giappone

Il Giappone vara una legge per la guida in stato di ebbrezza. Non che prima non ci fosse, solo che da oggi sarà vietata, se ubriachi, quella dei droni. Gestire le evoluzioni di un drone mentre si è sotto l’effetto di sostanze psicoattive diventa dunque illegale in Giappone, tanto illegale da implicare fino a un anno di carcere e ammende che arrivano a toccare i 300mila yen (circa tremila dollari).

Giappone, al via le legge sui droni

La nuova legge prevede che, in caso di veicoli aerei senza equipaggio e di peso superiore a duecento grammi, si debba essere in possesso pieno di ogni facoltà psicofisica e senza che alcuna sostanza ne pregiudichi l’utilizzo cosciente. “A nostro avviso pilotare un drone sia una faccenda seria come guidare un’auto e se lo si fa dopo aver bevuto si deve intervenire duramente”. Parole di un funzionario ministeriale dei Trasporti nipponico rilasciate all’agenzia AFP e riprese dalla BBC.

Multe anche per chi eseguisse acrobazie pericolose e per chi effettua, in particolare, cabrate e discese repentine di quota in luoghi affollati. In più, dato il battage super tech di un paese in cui i droni sono diffusissimi e lo spazio è risicato, la nuova legge prevede che i velivoli senza pilota dovranno effettuare le loro evoluzioni ad almeno 300 metri dalla installazioni militari, sia quelle giapponesi che le numerose basi Usa presenti sull’arcipelago.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.