Tahr Mejri si è lasciato morire: aveva perso moglie e figlio nell’attentato di Nizza

Tahar Mejri alla fine si è lasciato morire. Aveva perso, quasi 3 anni fa, la moglie e il figlio, uccisi nell'attentato di Nizza.

Tahr Mejri
Tahr Mejri

Tahar Mejri alla fine si è lasciato morire. Aveva perso, quasi 3 anni fa, la moglie e il figlio, uccisi nell’attentato di Nizza. L’Associazione delle vittime si è espressa così: “Non aveva mai manifestato alcuni istinto suicida. Ma si è lasciato morire, talmente era triste e svuotato”.

Tahr Mejri

Tahr Mejri aveva 42 anni. Nell’attentato del 14 luglio del 2016, aveva perso il figlio di 4 anni e la sua ex moglie. I due furono tra le 86 vittime della strage. “È stata aperta un’inchiesta per verificare le cause della sua morte – ha detto Seloua Mensi, presidente dell’associazione Promenade des Angesma per la famiglia è morto di dolore. Se non fosse stato musulmano, si sarebbe suicidato”.

Tahr Mejri ha visto moriere sotto i suoi occhi la sua ex moglie Olda, travolta dal camion guidato contro la folla dal terrorista Mohamed Lahoueij-Bouhlel. Poi ha vagato per 2 interi giorni per le strade della città in cerca di suo figlio. Alla fine la scoperta, davanti a un ospedale di Nizza gli venne comunicato che anche il suo bambino non ce l’aveva fatta.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.