Neonato rischia di morire per l’herpes: era stato baciato da un parente al battesimo

Un neonato ha rischiato la vita a causa di un herpes che lo aveva colpito all'altezza dell'occhio sinistro: il racconto della madre.

Herpes sull'occhio del bambino
Herpes sull'occhio del bambino

Il piccolo Noah attualmente ha nove mesi di vita ma quando aveva quattro settimane ha rischiato di morire a causa di un herpes contratto dal neonato in seguito a un bacio dato da un parente. La vicenda è accaduta durante il battesimo del piccolo. Il fatto in sé è innocuo qualora lo si trasmetta a una persona in salute (sana e robusta costituzione) e con anni di vita. Discorso differente, invece, se si tratta di un lattante. In alcuni casi, infatti, il rischio può essere piuttosto concreto. La donna, a tal proposito, ha raccontato l’esperienza vissuta dal bambino di pochi mesi che ha rischiato la vita a causa di un semplice bacio.

Herpes, cosa è accaduto al bambino

Il neonato, dopo cinque giorni dal battesimo, ha iniziato ad avere qualche problema all’occhio sinistro: la zona, infatti, si è successivamente cosparsa di vesciche. In seguito ad alcune visite è stato diagnosticato l’herpes simplex virus 1 (HSV-1). Il piccolo è stato ricoverato per oltre due mesi e mezzo. Il virus, se non curato a dovere, può estendersi giungendo al cervello.

Herpes a un neonato, i rischi

Ashleigh White ha deciso di condividere la propria esperienza con l’herpes simplex, di tipo 1, che ha colpito il figlio. La donna ha inteso sensibilizzare l’opinione pubblica su questa infezione che potrebbe essere potenzialmente mortale e quindi letale per un bambino di soli pochi mesi. La White ha dichiarato che «è meglio evitare di baciare il bambino nei primi mesi di vita. I piccoli rischiano e non poco».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.