Droga, la storia di Ivan Golunov: arrestato in Russia il giornalista investigativo

La storia di Ivan Golunov è quella di un giornalista arrestato con l'accusa di spaccio di droga: molti sono i lati oscuri della vicenda.

Ivan Golunov, la storia del giornalista russo arrestato per droga
Ivan Golunov, la storia del giornalista russo arrestato per droga (foto Youtube)

Ivan Golunov è stato tratto in arresto lo scorso venerdì 7 giugno con l’accusa di spaccio di droga. La stampa locale si è mossa in favore del giornalista: si tratta di una presa di posizione piuttosto forte in Russia. I tre quotidiani economici (Kommersant, RBK e Vedomosti) si sono schierati in favore di Ivan Golunov.

Chi è il giornalista Ivan Golunov

Il reporter di Meduza, testata web che ha sede a Riga (Lettonia), è attivo nel campo dell’inchiesta giornalistica sul fenomeno della corruzione. A Mosca, intanto, è stato organizzato un corteo in segno di solidarietà per il giornalista tratto in arresto. Le testate ritengono che non si considerano «convincenti le prove di colpevolezza a capo di Ivan Golunov. Le circostanze del suo fermo suscitano grandi dubbi».

La ricostruzione di Meduza

Il sito Meduza ha ricostruito che Golunov non avrebbe potuto contattare avvocati o familiari. Potrebbe essere stato sottoposto, inoltre, a privazione del sonno, oltre ad aver subito delle violenze fisiche. Sempre secondo Meduza, la Polizia sarebbe entrata nell’appartamento con le chiavi di casa andando a colpo sicuro e, di fatto, rinvenendo un pacchetto con la droga. Alexander Baunov, in difesa del collega, ha dichiarato che «le accuse sono false e che Ivan e la droga fanno parte di due mondi completamente differenti». Nel frattempo, Golunov è stata scarcerato e gli sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.