Giallo al museo, sbloccata casualmente una cassaforte chiusa da mezzo secolo

La cassaforte è stata sbloccata attraverso una tecnica che ha dato ragione all’uomo autore di un vero e proprio miracolo.

Cassaforte riaperta dopo decenni
Cassaforte riaperta dopo decenni (foto di repertorio)

Sblocca al primo tentativo una cassaforte rimasta chiusa per quasi mezzo secolo, imboccando la combinazione al primo tentativo. È accaduto in Canada, nella cittadina di Vermillon, nell’Alberta, dove un turista in visita con la famiglia al museo locale ha fatto in sei secondi quello che non era riuscito a stuoli di tecnici specializzati nel corso degli anni: aprire quella cassaforte che giaceva nel museo dagli anni ’70.

Cassaforte aperta, cosa è accaduto

Protagonista della vicenda Stephen Mills, che stava visitando il museo cittadino ospitato in un vecchio edificio scolastico. Al seguito di un volontario con mansioni di guida, Mills si è imbattuto nella famosa cassaforte. Di essa si era persa la combinazione da decenni e malgrado i tentativi della direzione del museo di sbloccare il meccanismo convocando anche esperti di fama mondiale, il portello della stessa era rimasto chiuso.

Pare che la cassaforte fosse stata acquisita nel 1907, con un contenuto misterioso ma mai messo ad elenco. Mills ha detto alla Bbc che una volta mostratagli la cassaforte, e spiegatogli l’inghippo della combinazione fantasma, ha provato a digitare d’impeto il codice 20-40-60 su una numerazione che da 60 arrivava a zero: “Tre volte in senso orario, due volte in senso antiorario e una volta in senso orario”.

Contenuto sconosciuto

Fra lo stupore di tutti e alla faccia delle decine di esperti che si erano sbertucciati le meningi per anni, la porta della cassaforte si è aperta. La direzione del museo ha fatto firmare allo scopritore un accordo di riservatezza per non rivelarne il contenuto.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.