Muro Messico-Usa: il Pentagono invia soldati per ridipingerlo

Muro Messico-Usa, il Pentagono manderà militari per ridipingere il tratto già esistente, e non solo per un fattore estetico, come invece denuncia il senatore Dick Durbin

Muro Messico Usa
Muro Messico Usa

Il muro Messico-Usa, su quel confine dove Trump ha dichiarato l’emergenza nazionale, sarà ridipinto dai militari americani che si trovano sul confine meridionale. L’ordine arriva dal Pentagono, che ha incaricato i militari di “rendere più bello il muro”.

Muro Messico-Usa, la denuncia di Durbin

O almeno, questa è la denuncia del senatore democratico Dick Durbin. E’ stato Durbin a riferire il fatto che il dipartimento per la Sicurezza Interna ha informato il Congresso dell’iniziativa. Che, specifica Durbin, “ha come scopo primario migliorare l’apperenza estetica”. “Un infelice spreco di soldi dei contribuenti”, spiega Durbin. “I nostri militari hanno cose più importanti da fare che rendere bello il muro di Trump”, twitta il senatore.

I dati sul muro Messico-Usa

Non ci sono informazioni su quanti militari saranno impegnati per dipingere le barriere all’altezza di Calexico, tra California e Messico. Quello che però si sa è che il lavoro dei militari sul muro Messico-Usa durerà circa un mese.

Ma la mail arrivata al Congrsso, in parte smentisce le accuse rivolte da Durbin. Infatti, afferma che la missione sarà anche operativa. Il nuovo colore dato alla barriera renderebbe più difficile per i migranti mimetizzarsi nel tentativo di scalarle. Inoltre, se come aveva ipotizzato Trump il colore fosse il nero, ci sarebbe in aggiunta la possibilità di rendere le barriere roventi con il sole: un ulteriore modo per scoraggiare la scalata dei migranti.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.