Narendra Modi eletto in India: un capolavoro come Reagan negli anni ’80

Narendra Modi vince le elezioni in India, e come "messia borghese" viene accostato al suo omologo Usa degli anni '80 Reagan

Narendra Modi India
Narendra Modi si prende l'India, e come "messia borghese" viene accostato all'omologo usa degli anni '80 Reagan

Narendra Modi si prende l’India, la democrazia più grande del mondo, e di fatto, come titola la BBC, l’altra faccia della terra è tutta per Narendra. L’uomo politico dal cognome anonimo perché ancora gravato dal peso dell’icona Ghandi ha infatti ottenuto una clamorosa vittoria nelle elezioni generali indiane, riuscendo a polarizzare l’impolarizzabile.

Modi sconfigge le previsioni

Modi ha sconfitto previsioni fosche che, nel paese, fondavano su una disoccupazione salita di tre punti, ad un livello record, sul crollo dei redditi agricoli (e l’India è il più grande capo coltivato del pianeta) e della produzione industriale. La vittoria di Ghandi ha anche scavalcato a pie’ pari il bastione della demonetizzazione, con la valuta a picco. Ma l’India ha parlato ed ha parlato forte: non è colpa di Modi, che aveva più volte detto che ci sarebbero voluti ben più di 5 anni per superare mezzo secolo e passa di “cattiva gestione della cosa pubblica”, calando l’affondo sulla dinastia dei Ghandi.

Un “messia borghese”

Nella popolazione indiana Modi è visto come una sorta di “messia borghese”, un uomo quasi qualunque che però è in gradi di risolvere problemi e non di far leva solo su grandi palpiti ideali di cui il paese si era nutrito nei decenni successivi all’indipendenza. Un onesto mestierante del governo insomma, che oggi si ritrova Primo ministro un po’ come secondo Soutik Bisvas della BBC – il suo omologo Usa degli anni ’80 Reagan.

Modi come Reagan

Il paragone è meno ardito di quanto non possa sembrare: Reagan arrivò a godere di una popolarità che spesso scavalcava e azzerava le sue responsabilità o le sue defaillances nella governance. In un momento di crisi economica, l’ex attore non patì la colpa di quello stato di cose e venne chiamato Grande Comunicatore perché era un presidente “teflon”, isolato cioè e al sicuro dai problemi che gli orbitavano intorno, un uomo “i cui errori non gli appartenevano mai”. Come Modi, che si è preso l’altra metà del pianeta spiazzando tutti.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.