Lotteria Powerball: malato terminale vince 250mila dollari e programma il viaggio in Italia

Un americano con un tumore al quarto stadio ha vinto 250mila dollari al Powerball ed è pronto ad un viaggio in Italia, Paese d'origine della moglie

Lotteria Powerball
Un americano con un tumore al quarto stadio ha vinto 250mila dollari al Powerball ed è pronto ad un viaggio in Italia, Paese d'origine della moglie

Vince 250mila di dollari al Powerball americano, ha un cancro al fegato al quarto stadio e sua moglie vuole visitare l’Italia, la sua terra di origine. La Dea Bendata lo ha baciato. Baciato forte in quanto a danè, un pensionato di Charlotte, nella Carolina del Nord, Richard Beare.

La scoperta della vincita

Stando alle sua primissime dichiarazioni l’uomo non aveva mai giocato alla mega lotteria Usa e, nella circostanza che ha fatto di lui un Creso, si era limitato un po’ stancamente ad assecondare sua moglie, che gli aveva chiesto di comprare dei biglietti e, in un secondo momento, di chiedere ad un basito commesso di verificare i risultati di quelle quattro giocate che aveva fatto assieme all’acquisto di alcuni Gratta e Vinci. Quando l’impiegato, prossimo ad un arresto cardiaco, ha comunicato a Beare che aveva vinto, il pensionato non ha voluto crederci all’inizio, salvo poi verificare e saltare dalla gioia come un canguro in trip di chetamina.

Il futuro viaggio in Italia

Beare, che faceva il meccanico, è malato di cancro; per sua stessa ammissione ha un tumore al fegato al quarto stadio ma ha anche le idee chiarissime: “Ho ancora tempo per divertirmi – ha detto in un’intervista – voglio viaggiare all’estero. Mia moglie vuole assolutamente andare in Italia; è da lì che viene la sua famiglia ed è ora di accontentarla”. Da qualche parte, nello stivale, sta per arrivare davvero lo Zio d’America.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.