Italiano multato in Austria per colpa di “Google traduttore”

Ha provato a spiegarsi con "Google traduttore" ma la Polizia austriaca è convinta che il cuoco italiano abbia tentato di corrompere le forze dell'ordine.

Guida ubriaco, Google traduttore peggiora la situazione del cuoco italiano
Guida ubriaco, Google traduttore peggiora la situazione del cuoco italiano (foto di repertorio)

Una traduzione errata, mediante l’utilizzo di Google traduttore, che potrebbe costargli una condanna per tentativo di corruzione. Il Tribunale di Innsbruck (Austria) ha aperto un’indagine per l’accaduto che vede coinvolto un cittadino italiano. La vicenda è stata riportata dal Tiroler Tageszeitung.

L’utilizzo di Google traduttore

L’uomo, che nella vita lavora come cuoco, è stato trovato alla guida, dal personale di Polizia, in stato di ebbrezza. Non riuscendo a comunicare con gli agenti in inglese e tedesco, l’automobilista ha utilizzato un altro metodo sfruttando la tecnologia. Nello specifico, infatti, ha preso lo smartphone e ha provato a spiegarsi con “Google traduttore”. Dopo aver commutato il ritiro della patente, insieme a un’ammenda di 900 euro, avrebbe risposto con la seguente frase: «Io pago bene».

L’interpretazione errata, l’uomo si difende

Le parole dell’uomo, originario del sud Italia, sono state interpretate come un tentativo di corruzione ma l’uomo si difende affermando che la sua era una mera intenzione di voler pagare la multa, senza altro fine. Il giudice, intanto, ha deciso di ascoltare come teste un’altra poliziotta presente sul luogo. Subito dopo, in definitiva, emetterà la sentenza.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.