Scandalo su Belgio e Vaticano, nel 1945 trattarono con i nazisti

Una possibile negoziazione che aprirebbe un nuovo capitolo della storia. Il ruolo di intermediario del Vaticano nella trattativa tra Belgio e nazisti.

Trattativa tra Belgio e nazisti con il Vaticano come intermediario
Trattativa tra Belgio e nazisti con il Vaticano come intermediario: l’indiscrezione della BBC (foto repertorio)

Scandalo a trazione storica in Belgio e in Vaticano, dove i diari del ministro degli Esteri Van Kleffens, che teneva il dicastero all’epoca dell’occupazione nazista e della sconfitta del Terzo Reich dimostrerebbero che la regina Guglielmina trattò con i nazisti con l’intermediazione della Santa Sede allo scopo di negoziare il salvataggio della famiglia reale belga.

In cambio di cosa? Di vie di fuga comode per i gerarchi braccati dopo la sconfitta. Ad esporre la tesi, corroborata dalle memorie del politico belga lo scrittore Michael Riemens, che ha appena pubblicato diari del ministro.

Belgio e Vaticano, cosa emerge dal rapporto con i nazisti

Secondo quella ricostruzione, ripresa da un articolo della Bbc che sta sollevando uno scalpore immenso in Belgio, “mentre la seconda guerra mondiale si avvicinava alla fine, la regina olandese Wilhelmina cercò un accordo con i nazisti per salvare la famiglia reale belga, secondo i diari appena pubblicati del suo ministro degli Esteri. Alla fine di marzo del 1945, il Belgio e i Paesi Bassi meridionali erano stati liberati, ma il re Leopoldo del Belgio era tenuto prigioniero in Austria. La madre di Leopoldo temeva che i nazisti avrebbero ucciso la famiglia. Quindi Wilhelmina considerò un possibile scambio”.

Qui la parte del racconto che sta suscitando più scalpore: “Perciò (Guglielmina – ndr) chiese al suo ministro degli Esteri in esilio a Londra, Eelco van Kleffens, di ‘sondare’ attraverso il Vaticano se ai nazisti di alto rango si poteva offrire una via di fuga in cambio della liberazione della famiglia reale belga.

La possibile negoziazione

Quelle sconcertanti rivelazioni gettano ulteriore luce sul modo in cui i nazisti hanno cercato di negoziare la loro fuga dall’Europa nei giorni della guerra. Molti nazisti di alto rango furono portati con successo in America Latina, inclusi Adolf Eichmann, Josef Mengele e Klaus Barbie.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.