Crisi Venezuela, sale a 4 il numero delle vittime:

Il bilancio dei morti sale a quattro. Le due vittime, a causa dei conflitti prodotti dalla crisi in Venezuela, sono minorenni.

Crisi in Venezuela, muoiono due minorenni
Crisi in Venezuela, muoiono due minorenni

Due ragazzi di 14 e 16 anni sono rimasti vittime durante le manifestazioni di protesta in seguito alla crisi nella quale sta imperversando il Venezuela. A renderlo noto è stato l’Osservatorio venezuelano di conflittualità sociale (Ovcs). Sale a quattro il bilancio delle vittime dal 30 aprile. Il vescovo della diocesi di San Cristobal ha denunciato l’irruzione durante la messa di quaranta militari che hanno lanciato contro i fedeli alcuni lacrimogeni.

Crisi in Venezuela, le varie posizioni

La Spagna è a favore della richiesta di arresto per Leopoldo Lopez definendola una
«una mossa giudiziaria prevedibile affermando che la Spagna non ha intenzione di consegnarlo alle autorità. Lopez, sua moglie e la loro bimba di appena 15 mesi si trovano – dichiara una nota – nella residenza dell’ambasciatore a Caracas dove si sono recati “di propria volontà”».

Il ruolo della Russia e degli Stati Uniti

Nonostante le divergenze tra Stati Uniti e Russia, sul caso della crisi in Venezuela, il Governo di Mosca è pronto a dialogare con quello di Washington: lo ha dichiarato il Ministro degli Esteri Serghiei Lavrov. «Abbiamo concordato – ha commentato Lavrov – di continuare i contatti anche sul Venezuela. Non vedo, però, come possano essere compatibili le posizioni. Da un lato le nostre, che si basano sullo Statuto Onu e sui principi del diritto internazionale. Dall’altro, invece, la posizione degli Stati Uniti che nominano un presidente ad interim di un altro Paese». Secondo Trump, Presidente degli USA, «la repressione del popolo venezuelano deve finire».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.