Guerra in Libia, continua a salire il bilancio delle vittime

Sale il numero dei morti e cresce la tensione per la guerra in Libia. Le due fazioni continuano a fronteggiarsi mentre i civili tentano di fuggire.

Hezbollah minaccia gli Usa e Israele
Hezbollah minaccia gli Usa e Israele (foto di repertorio)

Grave emergenza quella causata dalla guerra in Libia. L’Amsimed, Associazione Medici di origine Stranieria in Italia, ha divulgato i dati sulle vittime del conflitto. Attualmente sono oltre 300 i morti, tra cui 90 minorenni e 100 donne, e 1.700 i feriti; alcune donne sono state vittime di violenza sessuale.

«Ci informano che nei prossimi giorni saranno operate 45 donne e minorenni da un chirurgo francese presso l’ospedale di Bengasi – riferisce il Presidente dell’Amsi, Foad Aodi – e ringrazio Papa Francesco per il suo appello a favore della popolazione e dei rifugiati in Libia e l’urgenza di corridoio sanitario e umanitario».

Guerra in Libia, la situazione

Il Governo ha respinto ogni appello per il cessate il fuoco a Tripoli. Tutto questo si potrarrà, secondo il portavoce di Fayez Al-Serraj, fin quando le forze di Khalifa Haftar non decideranno di ritirarsi e di fare rientro a Rajma, zona a est del Paese.
«Il Governo sta monitorando da vicino – dichiara Muhannad Younis – gli appelli sospetti al cessate il fuoco lanciati da chi vuole colpire alle spalle l’esercito libico schierato al fronte». Nel frattempo si registrano numerosi episodi di violenza.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.