Maduro fa arrestare parlamentare già vittima di persecuzione giudiziaria

La polizia di Nicolas Maduro ha arrestato un deputato venzuelano dell'opposizione dopo un blitz fulmineo in un ristorante di Caracas.

La polizia di Nicolas Maduro ha arrestato un deputato venzuelano dell’opposizione dopo un blitz fulmineo in un ristorante di Caracas. A darne menzione un tweet della stessa Asamblea Nacional, che denuncia come, per quell’arresto, non sussistano motivazioni valide.

Maduro fa arrestare parlamentare

A finire nella Rete della Guardia Nacional Bolivariana è stato Gilber Caro, storico oppositore di Maduro che già un anno fa era stato ammanettato nel corso di un repulisti del servizi chavisti. “Denunciamo che nelle prime ore del mattino la dittatura ha di nuovo arbitrariamente arrestato il deputato @gilbercaro in violazione della sua immunità parlamentare”; questo il tweet del Parlamento che denuncia il fatto.

“Riteniamo il regime usurpatore responsabile della vita e dell’integrità (di Caro)” , ha poi trucemente aggiunto, quasi a voler presagire un epilogo scontato quanto funereo della vicenda, il post. “Caro è stato arrestato in un ristorante nel settore Las Mercedes a Caracas” ha spiegato la deputata Adriana Pichardo in una conferenza stampa, per poi aggiungere: “Non abbiamo idea del perché questa detenzione sia dovuta, ma riteniamo che (contro Caro)potrebbe essere montate accuseo false per provare a coinvolgerlo in un tentativo di golpe”.

Caro è un iscritto a Voluntad Popular, il partito del “ribelle e nemico” Juan Guaidò. Il suo primo arresto avvenne tra il gennaio 2017 e il 2 giugno 2018, quando addirittura venne accusato di tradimento e furto di armi dalle Forze Armate, ma non fu mai condannato. Venne rilasciato con restrizioni insieme ad altri 39 avversari per ordine dell’Assemblea Costituente che governa il paese con poteri assoluti. Per quel caso giudiziario montato ad arte, che venne definito “L’Affaire Dreyfus” del Venezuela, ad ottobre 2018 e solo dopo aver chiesto rifugio in Colombia, un giudice militare venezuelano si era scusato con Caro per aver ordinato la sua detenzione.