Crisi in Libia, Conte: «Rischio di forte crisi umanitaria»

Sono 225 i morti accertati per la crisi in Libia. La riunione del Consiglio di sicurezza ha visto la bocciatura di tre Stati dell'Africa e della Russia.

Giuseppe Conte e la crisi in Libia
Giuseppe Conte e la crisi in Libia

Cresce di giorno in giorno in numero di morti causato dalla crisi in Libia. Nel Paese, infatti, la contesa politica e militare è più accesa che mai. A parlare della situazione è il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte: «Il rischio di crisi umanitaria è concreto». Secondo gli ultimi dati, raccolti dall’AdnKronos per mezzo di Foad Aodi dell’Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia), le vittime sono 225: ben settanta sono minorenni.

Crisi in Libia

«Tra le vittime ci sono anche 40 donne morte in seguito a violenza sessuale – prosegue Aodi – e 15 professionisti della sanità. I feriti sono 1.200, di cui 500 gravi – sottolinea il medico – e gli sfollati 26mila. La situazione negli ospedali continua a peggiorare, manca praticamente tutto. L’acqua è molto sporca e il rischio epidemie è elevatissimo. Haftar si sta preparando per il colpo finale. Rinnovo l’appello di Amsi e delle Comunità del Mondo arabo in Italia (Co-mai) – conclude Aodi – rilanciando l’hashtag #SalviamolaLibia».

Riunione del Consiglio di sicurezza

Si è tenuta ieri sera una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite riguardante la crisi in Libia. Secondo fonti diplomatiche la bozza, che chiede il cessate il fuoco immediato e l’accesso degli aiuti umanitari, è stata respinta da tre Paesi dell’Africa: si tratta di Guinea Equatoriale, Costa d’Avorio e Sudafrica. Il no è giunto anche dalla Russia; nessuna mossa importante degli Stati Uniti.

Il ruolo della Francia

Sospesi, intanto, gli accordi tra Francia e Libia in quanto si ritiene che il Governo francese sostenga il generale Khalifa Haftar. «La Francia respinge definendo completamente infondate le accuse formulate a proprio carico. Le dichiarazioni di Tripoli – ha dichiarato una fonte del Ministero degli Esteri della Francia all’AdnKronos – non sono per nulla veritiere».

Mandato di cattura per Haftar

La Procura di Tripoli ha emanato un mandato di cattura per il generale Haftar e per sei collaboratori. A comunicarlo è stato il Ministero della Difesa del Governo di accordo nazionale di Tripoli. Ecco la controrisposta dopo quello dell’11 aprile rivolto al Premier Fayez al-Sarraj e ad altri responsabili di Tripoli.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.