Arrestato con taniche di benzina in cattedrale: aveva un biglietto per Roma

E' stato arrestato un 37enne che era entrato con due taniche di benzina e degli accendini nella cattedrale di Saint Patrick di New York, ma l'uomo aveva un biglietto di sola andata per Roma

Polizia (adnKronos)
E' stato arrestato un 37enne che era entrato con due taniche di benzina e degli accendini nella cattedrale di Saint Patrick di New York, ma l'uomo aveva un biglietto di sola andata per Roma

Era stato arrestato il 17 aprile all’ingresso della chiesa di Saint Patrick, la cattedrale di New York, perché aveva con sé due taniche di benzina e degli accendini. Ma il 37enne Marc Lamparello in realtà aveva comprato un biglietto di sola andata per Roma. Lamparello, insegnante di filosofia avrebbe dovuto imbarcarsi dal New Jersey diretto in Italia.

Lamparello, prima di essere fermato a Saint Patrick, era già stato arrestato due giorni prima nella cattedrale di Newark, perché si rifiutava di lasciare la chiesa all’orario di chiusura.

Le indagini sulle intenzioni di Lamparello

In effetti Marc Lamparello era già noto alle forze di polizia, e ora è stato incriminato con l’accusa di tentato incendio doloso, messa in pericolo della vita altrui ed effrazione. Si indaga per capire quali fossero le sue reali intenzioni, visto che la sua versione dei fatti – cioè che la sua auto fosse rimasta senza benzina – è stata smentita dai controlli. Tuttavia, il vicecommissario di New York John Miller ha detto che dai primi accertamenti non pare esserci connessione cin gruppi terroristici o che le sue intezioni fossero tali.

La perizia psichiatrica

Per Lamparello però è stata disposta nel frattempo una perizia psichiatrica per accertarne le condizioni. L’uomo vive nel New Jersey insieme ai genitori, e negli anni anni ha insegnato in diverse college e università.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.