Pugile vince ma non può fare ritorno in patria: ha violato le regole dell’Iran

La storia è quella di una giovane ragazza dell'Iran. Il suo nome è Sadaf Khadem e la vicenda si svolge in Iran: il racconto della vicenda.

Pugile dell'Iran Sadaf Khadem
Pugile dell'Iran Sadaf Khadem

La prima donna pugile dell’Iran, Sadaf Khadem, non ha potuto fare ritorno in patria dopo il match vinto in Francia. Il suo Stato, infatti, le ha vietato il rientro emettendo un mandato di arresto. Secondo l’Iran Sadaf avrebbe violato la legge sull’abbigliamento delle donne. A rendere nota la notizia è stato l’addetto stampa. Mahyar Monshipour, infatti, è accusato di complicità.

La storia di Sadaf Khadem, donna pugile irachena

Entrambi sono rimasti in Francia, a Poitiers, non prendendo il volo in programma martedì. Sadaf Khadem ha vinto il suo primo incontro di boxe gareggiando contro Anne Chauvin; è entrata, di fatto, nella storia dell’Iran.

La giovane, combattendo con pantaloncini corti e canotti, ha infranto la legge iraniana che impone alle donne di indossare lo hijab. L’allenatore ha saputo del mandato di arresto tramite un messaggio ma senza fornire ulteriori dettagli sul mittente.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.