Cannone al plasma collaudato in Cina fa tremare il mondo

La Cina mette a punto un cannone al plasma magnetizzato, ed è rivoluzione nell'artiglieria.

La Cina mette a punto un cannone al plasma magnetizzato, ed è rivoluzione nell'artiglieria

I cinesi hanno il super cannone e la Giamaica non c’entra. E’ in via di collaudo, per le prima volta nella storia e ad opera dell’Esercito di Liberazione Popolare di Pechino, la temutissima artiglieria al plasma magnetizzato, che consentirà a mezzi corazzati, artiglieria e cannoni di sparare proiettili iperveloci, con velocità superiore a Mach 6, cioè sei volte la velocità del suono, per intenderci.

L’ultimo “giocattolo” di Pechino

Una balzo in avanti gigantesco quanto inquietante, in un mondo che grida sempre più alla pace ma che si prepara sempre più alla guerra. Dopo gli avveniristici alianti orbitali con testate nucleari della Russia e il radar modulare Usa che “scova” i missili più veloci, anche Pechino tira fuori il suo ultimo giocattolo, e di giocattolo spaventoso si tratta.

Come funziona il cannone

Senza cadere troppo nel tecnico partiamo dal plasma. Quest’ultimo viene considerato il “quarto stato della materia” e da tempo non è più materia per B movie di fantascienza. Il plasma è in buona sostanza un gas ionizzato con carica neutra. In natura si sviluppa solo con fulmini ed aurore boreali ma è componente gajardissima dell’universo. Ha proprietà speciali perché conduce l’elettricità ed è stabile, nel senso che un fascio di plasma è una specie di “corridoio” nel quel la materia viaggia spedita come un razzo per scarso attrito e “simpatia” elettromagnetica. Da qui a capire per sommi capi cosa può fare un proiettile di cannone incanalato in un corridoio di plasma il passo è breve.

Riduzione del calore

L’artiglieria cinese si prepara a sparare confetti che possono viaggiare per 100 chilometri e con una potenza devastante, rispetto ai 30/35 chilometri che oggi un proietto da 155 mm può coprire. In più il plasma riduce il calore, che è il nemico storico dell’artiglieria; esso infatti deforma le parti meccaniche delle bocche da fuoco, falsa il tiro e sottrae energia cinetica ai proiettili. I media cinesi hanno riportato la notizia con gran clamore dopo che un recente avviso pubblico del sito ufficiale dell’esercito aveva notificato la procedura di procurement.

Magnetizzazione del plasma

I collaudi seguiranno le direttrici di un brevetto depositato dall’Accademia di Ingegneria delle Forze Armate di Liberazione. In quel brevetto viene enunciato un procedimento di magnetizzazione del plasma. Nella canna del pezzo si creerebbe in buona sostanza un campo magnetico che, dopo l’esplosione produrrebbe plasma ionizzato e “guiderebbe” il proiettile in modo tale che, per capirci, un colpo sparato dal Giambellino a Milano andrebbe a colpire le sponde elvetiche di Lugano. Secondo i media cinesi questo concept sarebbe già stato collaudato su alcuni carri armati. Gli autori di un report della Defense Intelligence Agency Usa hanno affermato in merito che “la Cina è sul punto di mettere in campo alcuni dei sistemi di armamenti più moderni del mondo”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.