Benzina Haiti, è emergenza: 58 milioni di debiti verso i fornitori

Emergenza benzina ad Haiti, dove il governo in bancarotta non ha più i soldi per pagare i rifornimenti. Si contano debiti per più di 58 milioni di dollari

Emergenza petrolio ad Haiti

Haiti è in piena crisi carburante, lo sta finendo, tutto. Dopo lo scandalo legato alla corruzione sugli approvvigionamenti di petrolio venezuelano e i disordini spaventosi delle ultime settimane, l’isola stato è al collasso. Le stazioni di servizio sono ormai al razionamento della benzina ma c’è di peggio. Le fasce più povere della popolazione stanno esaurendo addirittura il kerosene per cucinare. I fornitori privati ​​di energia elettrica, a corto di diesel per i gruppi elettrogeni da ormai 11 giorni, stanno riducendo o interrompendo la produzione, portando i problemi di elettricità già disperati di Haiti dal male al peggio.

Governo in bancarotta

Tutto questo è accaduto un anno esatto dopo che il Venezuela aveva interrotto la consegna di petrolio a basso costo nell’ambito del programma PetroCaribe per l’assistenza energetica, costringendo Haiti all’acquisto di tutti i suoi prodotti petroliferi sui mercati spot dei Caraibi e degli Stati Uniti. Quei problemi energetici – afferma il Miami Herald – sono diventati in meno di un mese occasione di panico assoluto. Il governo infatti è in bancarotta e non può più tenere il controllo sull’import di idrocarburi. Semplicemente, non può pagarli.

58 milioni di arretrati

Siamo al disastro” ha detto Pierre-Marie Boisson, economista di Port-au-Prince e fondatore della Société Générale de Solidarité (SOGESOL), una delle tre più grandi società di microfinanza di Haiti. Basti pensare solo che dal 27 febbraio scorso circa 150.000 barili di benzina sono stoccati su una nave al largo della costa di Port-au-Prince in acque internazionali in attesa, vana, di oltre 37 milioni di pagamenti arretrati dall’ufficio di monetizzazione del governo haitiano di programmi e aiuto allo sviluppo, o BMPAD. Il proprietario del carico, la Novum Energy, con sede a Houston, ha dichiarato crediti per 58 milioni in arretrati, esclusi quelli milioni per la benzina attualmente stoccata a bordo al largo della costa.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.