Poliziotto “USA” banca dati per adescare e portarsi a letto 150 donne

La vicenda ha veramente dell'incredibile. Un poliziotto ha sfruttato il proprio ruolo per dare vita a una ricerca sulle donne inserite nel database.

Poliziotto statunitense
Poliziotto statunitense

Ha usato il badge della Polizia per entrare nel sistema, accedere alla banca dati e prendere appuntamenti a base di sesso con 150 donne. Sotto inchiesta da parte dell’Fbi ci è perciò finito un ex sergente della Polizia di Bradenton, in Florida, Leonel Marines.

Database con un scopo ben preciso ma non legale

Sull’uomo gravano accuse pesantissime, derivanti dalla sua posizione di ufficiale di polizia e, per ora, è stato solo sospeso dal servizio, ma il suo ipotetico reato è federale e rischia grosso. L’uomo avrebbe, secondo l’accusa che lo ha portato a processo, continuato per anni con questa sua invereconda abitudine.

La tecnica del poliziotto

Appena entrato in ufficio, usava il tesserino e il codice identificativo dello stesso per accedere alla banca dati della polizia, individuare le donne da adescare e circuirle per andare al letto con loro.

A volte simulava controlli di polizia per corroborare le sue richieste che, sotto il profilo giuridico dell’estorsione, portavano le vittime a cedere giocoforza alle sue richieste; altre invece Marines profilava i soggetti da adescare in base alle informazioni (disagio economico, situazioni equivoche, dipendenza da droghe) e “giocava di fino”, insinuandosi nelle loro vite per poi ottenere favori sessuali, sempre con l’aura del poliziotto.

Una lunga lista

In tutto, secondo il capo della Polizia Melanie Bevan che ha tenuto un’apposita conferenza stampa sullo spinosissimo caso, arrivando a “collezionare” nel corso degli anni oltre 150 vittime del suo abuso nell’accesso ad informazioni riservate o utilizzabili secondo ben altri criteri.

Il 30 ottobre Marines aveva rassegnato le sue dimissioni a seguito dell’inchiesta avviata dagli Affari Interni. A seguito era arrivata l’inchiesta dell’Fbi sulla presunta natura federale, e gravissima, delle sue azioni illegali. Rischia 15 anni di carcere.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.