Violenza sessuale, prima top gun Usa rivela: “Stuprata da superiore”

La prima donna top gun dell'aviazione degli Stati Uniti, e ora senatrice dell'Arizona, ha rivelato durante un'udienza della Commissione forze armate di aver subito uno stupro da parte di un superiore dell'Air Force

Martha McSally
La prima donna top gun dell'aviazione Usa ha rivelato di aver subito uno stupro da parte di un superiore dell'Air force

E’ la prima donna top gun dell’aviazione americana, ed è anche senatrice repubblicana. Ma Martha McSally è anche una donna che ha subito violenza sessuale da un suo superiore dell’Air force, e non ha mai trovato il coraggio di denunciarlo. Eppure, questo coraggio lo ha trovato durante un’audizione alla Commissione forze armate in aula, dove ha raccontato l’accaduto davanti alle telecamere dei principali media americani.

Il racconto di Martha McSally

“Anche io sono stata vittima di un assalto sessuale militare, ma a differenza di altre persone coraggiose, non l’ho denunciato. All’epoca non avevo fiducia nel sistema. Mi incolpavo. Ero piena di vergogna e confusa. Pensavo di essere forte ma mi sentivo impotente”, ha raccontato la senatrice dell’Arizona, durante l’incontro, dedicato alla prevenzione degli abusi sessuali in ambito militare.

Perché ha lasciato l’aviazione

Martha McSally è stata anche comandante di uno squadrone di aerei d’attacco A-10. E’ entrata all’accademia militare negli anni Ottanta ed ha fatto parte dell’Air force fra il 1998 e il 2010, quando lasciò l’aviazione proprio in relazione allo stupro, su cui non ha fornito dettagli. Anni dopo aver subito la violenza, infatti, McSally cercò di confidarsi su quanto accaduto, mentre emergevano primi scandali nelle forze armate. Però “fui inorridita per come venne gestito il mio tentativo di condividere la mia esperienza, ha raccontato.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.