Chitarrista di “School of Rock” arrestato per furto di…. chitarre e amplificatori

Un volto conosciuto, nel mondo del cinema relativo all'ambiente rock, è stato arrestato per aver rubato delle chitarre e degli amplificatori.

Arrestato con l'accusa di aver rubato chitarre e amplificatori
Arrestato con l'accusa di aver rubato chitarre e amplificatori

Arrestato in Florida per furto di chitarre il chitarrista più famoso della storia cinematografica recente del rock. Lui è Joey Gaydos Jr, ma al grande pubblico è conosciuto con il “nom de guerre” utilizzato nella storica pellicola con Jack Black “School of Rock”: Zach Mooneyham.

Chi è il protagonista di “School of Rock”

Nel film costui era il ragazzino timido e impacciato che, grazie all’aiuto di un insolito insegnate rocchettaro, diventava il perno di una band che faceva degli AC DC, dei Led Zeppelin e dei grandi del metal una ragione di vita. La pellicola, uscita in sordina nel 2003, ebbe un successo planetario e divenne ben presto un vero cult.

Il successo cinematografico non deve però aver giovato molto all’attore che impersonava Zach. Oggi il suo alter ego nella vita reale, Joey, è un 28enne con problemi di tossicodipendenza che in quel di Venice, in Florida, è stato arrestato dopo che le telecamere di un negozio di strumenti musicali lo avevano beccato in flagranza a rubare una chitarra elettrica ed un amplificatore con la tecnica “del vago”.

Il furto

Secondo un video ufficiale del distretto di polizia che ha operato, il giovane entrava in un negozio e poi, fingendo di provare gli strumenti, approfittava della inevitabile distrazione dei commessi per uscire dal locale con la refurtiva che fino a poco prima impugnava con il fare del cliente che valuta la merce.

Il valore degli strumenti

Dall’analisi incrociata di denunce relative a furti simili è poi emersa una verità imbarazzante: l’ex pischello guitar hero del film di cassetta aveva già visitato altri tre negozi, portandosi via il fior fiore della produzione standard di chitarre elettriche sul mercato: una Epiphone derivata Gibson Les Paul bianca e celeste (circa 900 dollari, del modello usato anche da John Lee Hoocker), una Fender Stratocaster crema (vagheggiante quella di Jeff Beck e Ritchie Blackmoore, per capirci) da 700 dollari e altre due Les Paul Gibson, una delle quali del prezzo di circa 2000 dollari simile alla “signature” classica del mitico Joe Perry degli Aerosmith.

La confessione

Ogni pezzo includeva, come refurtiva, l’amplificatore, sottratto con la stessa tecnica. Ottimi gusti, quelli dell’ex attore, in perfetta linea del suo “fu” personaggio, non c’è che dire. Messo alle strette il giovane avrebbe confessato, ammettendo di avere problemi di droga. E occhio finissimo, aggiungeremmo. In musica servirebbe l’orecchio ma a questo punto il dato è accessorio.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.