Non vuole radersi la barba e perde il reddito di cittadinanza

Succede nei Paesi Bassi. L'uomo, musulmano, ha avuto un'offerta di lavoro nel settore smaltimento amianto, lavoro per cui avrebbe dovuto indossare una maschera protettiva.

Perde il reddito di cittadinanza perché non vuole tagliarsi la barba
Perde il reddito di cittadinanza perché non vuole tagliarsi la barba

Nuova polemica sul reddito di cittadinanza, anche se riguarda un altro Paese. Un uomo, mussulmano di fede, ha rifiutato di radersi la barba e per questo ha perso il diritto a ricevere l’assegno. E’ accaduto nei Paesi Bassi dove all’uomo era stato offerto un lavoro in cui avrebbe dovuto indossare una maschera protettiva.

La decisione

Il comune di Amersfoort ha questa decisione e ha sospeso all’uomo per un mese il “participatiewet”, l’assegno sociale che assicura un reddito minimo a tutti i residenti legali nei Paesi Bassi. L’uomo ha fatto appello ai giudici richiamando l’articolo 9 della Convenzione Europea dei Diritti Umani che difende la libertà di pensiero, coscienza e religione di ogni cittadino.

Il Tribunale si è però schierato dalla parte del Comune. Ha riconosciuto che si è trattato di una “inequivocabile violazione del diritto della libertà religiosa”, ma i giudici non hanno potuto fare a meno di riconoscere che la partecipazione al tirocinio “era stata fornita con garanzia di lavoro”.

Altre motivazioni

I giudici hanno tenuto in considerazione altri elementi. L’uomo aveva trascorsi in prigione, problemi psicologici e ludopatia. In pratica il taglio della barba sarebbe stato solo uno dei tanti problemi che “affliggevano” l’uomo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.