Rientra dall’Australia e trova un pitone in valigia

Rientra da un viaggio in Australia e in una scarpa in bagaglio trova un piccolo pitone. Disavventura con coccolone per una donna scozzese.

Ritorna da un viaggio e trova un pitone in valigia
Ritorna da un viaggio e trova un pitone in valigia

Rientra da un viaggio in Australia e in una scarpa in bagaglio trova un piccolo pitone. Disavventura con coccolone per una donna scozzese che, di ritorno da un viaggio di oltre 14mila chilometri, dalla regione del Queensland fino all’aeroporto in Scozia, ha avuto la poco simpatica sorpresa di trovare un pitone nella scarpa che aveva riposto con gemella ed altri capi di abbigliamento nel bagaglio da stiva.

Scambiato per un giocattolo

Stando alle testimonianze raccolte, in primis quella del genero che viaggiava con lei, la signora Moira Boxal, intervistata dalla Abc, nell’aprire la valigia aveva creduto che quel “coso” fosse un giocattolo.

Solo che i giocattoli primo: non si muovono; secondo non aprono occhietti neri a gemma; terzo, non sondano l’aria con tanto di lingua biforcuta. Concluso immancabilmente e al di là di ogni ragionevole dubbio che quel serpente falso acciambellato nella sua scarpa era un serpente vero, la signora Moira, che è di Glasgow, ha deciso che la sua voce meritasse la valutazione, in quanto a toni e volumi, degli abitanti di Edimburgo.

E le è anche andata bene

Fatto ciò, ha allertato assieme al genero un team della protezione animali, che le ha soavemente spiegato che si, tutto sommato le è andata bene, dato che l’Australia ospita alcune fra le specie endemiche di serpenti più letali al mondo, in quanto a velenosità.

Il serpentello è stato classificato per un cucciolo di pitone maculato, un costrittore non velenoso abbastanza diffuso nei terrari i tutto l’emisfero. L’animale è attualmente monitorato e sta bene. I serpenti, per fortuna, sono sordi.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.