Soffoca e brucia l’amante del marito: a breve il processo

La madre della vittima si è rivolta al Presidente Vlamidir Putin per provare a mettere la parola fine al processo sulla morte della figlia.

Donna uccide amante e si costituisce
Il processo potrebbe riprendersi e decidere per una condanna di altri 20 anni

Una donna ha ucciso l’amante del marito dopo aver scoperto che il tradimento che durava da cinque anni. Elena Romanova, 36enne di San Pietroburgo, ha scoperto in Rete che suo marito la stava tradendo con un’altra persona. Viaggi romantici a Parigi e altre mete esotiche erano alcuni dei segreti della coppia.

Omicidio dell’amante dopo il tradimento

La Romanova non ha parlato con il suo consorte ma ha deciso di uccidere la “rivale” in amore. Maria Sokolova, 32 anni, era una collega del marito Evgeny. La 32enne è stato legata con una sciarpa al collo per poi essere portato in una foresta fuori città. Nonostante fosse in fin di vita, la donna ha preso un coltello, ha mutilato la vittima e poi le ha dato fuoco. Subito dopo si è costituita alla Polizia per denunciare l’omicidio commesso.

Si riapre il caso, nuova condanna per la donna

Elena Romanova si è successivamente pentita dell’autodenuncia. Dopo diversi anni dalla tragedia, però, l’appello della madre della vittima a Putin ha subito un’accelerazione nel processo. La donna, infatti, potrebbe rimanere in carcere per altri 20 anni.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.