Nativo americano insultato, 16enne cita in giudizio il Washington Post

Un ragazzo di 16 anni, tramite il suo legale, ha richiesto un risarcimento record al "Washington Post" per una somma di 250 milioni di dollari.

Nativo americano sbeffeggiato da un giovane, richiesta risarcimento al Washington Post
Nativo americano sbeffeggiato da un giovane, richiesta di risarcimento record al Washington Post

Uno studente americano accusato di aver dileggiato un nativo americano in occasione della Marcia della Vita e della Marcia degli Indigeni a Washington ha deciso di citare in giudizio il Washington Post per l’incredibile cifra di 250 milioni di dollari.

Lui, 16enne iscritto alla Covington Catholic School, finita al centro di una vera bufera mediatica per quei fatti, non ci sta ad essere bollato come il più esagitato fra quelli che il 18 gennaio scorso dileggiarono apertamente anche con frasi razziste il nativo americano e reduce del Vietnam Nathan Phillips.

Richiesta di risarcimento

La sua richiesta in merito a quelle che il suo legale ritiene essere state
«accuse false e diffamatorie» si è perciò trasformata in una maxi istanza di risarcimento contro il quotidiano che più aveva stigmatizzato il comportamento degli studenti vicini a Trump.

In quell’occasione, al grido di “Tiralo su” (intenso come il muro di Trump fra Usa e Messico) molti studenti avevano ingiuriato Phillips che stava facendo una danza india nei pressi del Lincoln Memorial. Nicholas S., il 16enne, era stato ripreso in un primo piano che lo vedeva fronteggiare – a dire il vero con aria vagamente beffarda – il reduce.

Causa al “Washington Post”

Il video incriminato era apparso sulla web page del WP e da allora si erano innescate, negli Usa, polemiche infinite, sia sulla scuola “papista” del Kentuky che avrebbe avuto il demerito di aver tirato su didatticamente una “progenie” di alunni così esaltata e razzista, sia lo studente.

Lo stesso Trump era intervenuto a difesa del giovane e dei suoi compagni di studio «trasformati in quello che non sono da notizie false». A traino di quelle vicenda e, addirittura, del potente endorsement presidenziale, lo studente ha deciso di battere cassa in maniera clamorosa alla storica testata di area liberal democratica e wasp della East Coast.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.