FaceTime: 14enne scopre il bug e Apple gli paga gli studi

Ha scoperto la falla di Face Time e ora la Apple gli pagherà gli studi: questa la storia di Grant Thompson

FaceTime
Quattordicenne scopre il bug di face Time: Apple gli pagherà gli studi

Ha quattordici anni, e Apple contribuirà a pagare i suoi studi. Grant Thompson, infatti, ha scoperto una falla di Face Time, e per questo la Apple lo vuole ricompensare. Il bug , in alcuni casi, consentiva agli utenti di ascoltare l’audio e vedere le immagini catturate dall’iPhone del destinatario di una chiamata prima che questo rispondesse. A scoprire il problema è stato il quattordicenne, e la madre lo ha poi segnalato all’azienda.

La risoluzione del problema

Grazie all’intervento del ragazzo, la Apple ha risolto il problema, e ora ha messo a disposizione un aggiornamento software che riattiva le chiamate di gruppo di FaceTime. La compagnia, nei giorni scorsi, ha diffuso una nota in cui ringrazia la famiglia, e si è scusata “con i clienti colpiti e con tutti coloro che si sono preoccupati per questo problema di sicurezza”.

L’indagine sulla tempestività dell’intervento

E nonostante la Apple abbia anche assicurato di aver agito in modo tempestivo, disabilitando le chiamate di gruppo e iniziando a lavorare alla soluzione, il procuratore generale dello Stato di New York ha avviato un’indagine.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.