Crisi in Venezuela, Juan Guaidó non potrà più lasciare il Paese

La Procura ha chiesto che Juan Guaidó non vada oltre i confini del Venezuela. Il provvedimento è stato disposto dal Procuratore Saab.

Juan Guaidó
Juan Guaidó non dovrà varcare i confini del Paese

Il Procuratore Generale del Venezuela Tarek William Saab ha chiesto di poter aprire un’indagine preliminare sul Presidente dell’Assemblea Nazionale di Caracas Juan Guaidó. Il provvedimento è stato richiesto alla Corte Suprema del Paese. La scorsa settimana Guaidó si era proclamato Presidente ad interim della Repubblica.

Cosa accade a Guaidó

L’indagine sarebbe di fatto legata ai disordini che si sono verificati negli ultimi giorni in Venezuela. Il tutto è partito dal Procuratore Saab, esponente particolarmente vicino a Maduro. Il congelamento dei conti correnti, oltre al sequestro dei beni mobili, oltre alle proprietà immobiliari, rientrano tra le ulteriori misure cautelari.

Il messaggio con un tweet

«Non si tratta né di una nuova minaccia contro di me – ha affermato Guaidó – né di una nuova minaccia contro questo Parlamento. Non è che sottovaluto la possibilità di finire in prigione, ma disgraziatamente non c’è nulla di nuovo sotto il sole: l’unica risposta del regime è la repressione e la persecuzione».