Muro con il Messico, Trump vuole costruirlo dichiarando lo stato di emergenza nazionale

Trump ha intenzione di sfruttare una parte dei fondi destinati agli uragani per costruire il muro di confine con il Messico.

Il Presidente americano Donald Trump
Il Presidente americano Donald Trump

La Casa Bianca è pronta a un colpo del Presidente Trump. Il numero uno degli Stati Uniti ha intenzione di dichiarare lo stato di emergenza nazionale al fine di ottenere i fondi per la costruzione del muro che, di fatto, non vengono concessi dal Congresso. La particolare trovata di Donald Trump, stando a quanto dichiarato dal “Washington Post”, vedrebbe utilizzare una parte dei fondi, relativi agli interventi di ricostruzione di Texas e Porto Rico per il dopo uragani, cambiare la direzione di utilizzo. Fonti americane del Governo hanno però smentito la notizia.

Trump e la costruzione del muro

Le cifre ammontano a 13,9 miliardi di dollari stanziati nello scorso anno e che, al momento, non sono ancora stati spesi. Trump ha intenzione di avviare la costruzione del muro nel giro di quarantacinque giorni. A tal proposito avrebbe già conferito l’incarico al genio miliare in modo tale da valutare, quanto prima, le procedure per gli appalti. I Democratici del Congresso sono pronto a opporsi. Durante la visita sul confine, che si è tenuta lo scorso giovedì, il Presidente americano ha dichiarato di essere pronto anche a oltrepassare il Congresso qualora non riesca a ottenere i fondi richiesti. «Certo possiamo dichiarare l’emergenza nazionale – ha dichiarato – tornando ad affermare di avere piena autorità di farlo, riconoscendo comunque che non sarebbe necessario se ci fosse del buon senso».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.